il codice gregoriano

Sergio d’Alesio: In tempi anche relativamente moderni attraverso dei collage interattivi con la musica pop, l’orchestra e i cori dei monaci – come ad esempio nel progetto El Alma del Gregoriano, allestito dai monaci benedettini del Monastero di Santo Domingo di Silos – il grande pubblico europeo e statunitense ha riscoperto il fascino dei canti gregoriani.

In proposito, lei s’è impegnato in una lunga ricerca presso la certosa di San Giacomo di Capri e le certose di San Lorenzo e Padula in Toscana, dando vita al progetto Il Codice Gregoriano il cui ascolto dona una profonda sensazione di pace, serenità e benessere. In futuro ha intenzione di continuare ad esplorare l’universo delle armonie sacrali?

Capitanata: La mia prima esperienza con queste sonorità spirituali è avvenuta durante l’infanzia. Sin da quando avevo quattro o cinque anni, accompagnavo mia madre alle sei del mattino in un antico monastero di monaci francescani. Ricordo vagamente il percorso mano a mano con la mamma alle prime luci dell’alba.

Eppure i miei ricordi sono strani, vuoti e bui… ma quando s’apriva la porta di questo monastero ad accoglierci c’era un ambiente pieno di luci avvolte dal fumo dell’incenso e tanti fedeli in preghiera sui cui troneggiava il suono di un antico organo a canne che suonava a un volume intenso accompagnato dal canto dei monaci francescani…

In quei momenti ricchi d’emozioni, lasciavo mia madre e affascinato da questi maestosi suoni e cori mi sedevo accanto all’organista, dove per oltre un’ora questo magico intercedere sacrale rendeva il mio immaginario sfavillante, trasportandomi oltre lo spazio-tempo…

È molto probabile che quei momenti hanno lasciato dei segni indelebili nella mia pura e innocente anima di infante, focalizzando una meraviglia sonora che poi da adulto ho cercato di riprendere con saggezza ed umiltà. Infatti sin da giovanissimo, ero interessato agli studi del ricercatore francese Alfred Tomatis, uno dei maggiori studiosi del suono dal punto di vista medico, fondatore dell’audiopsicofonologia ed esperto conoscitore del rapporto suono-vita.

I suoi studi hanno studiato approfonditamente gli effetti terapeutici del canto gregoriano, dimostrando che i canti sacri sono ricchi di armonici ad alta frequenza con effetti neuro fisiologici sul cervello umano.

Il canto regola, rafforza e intensifica la respirazione, favorisce lo sviluppo del sistema uditivo, fa vibrare il corpo, tonifica e calma il sistema nervoso, rivitalizza gli organi interni e vivifica tutto il sistema ghiandolare endocrino, amplificando e ottimizzando il campo elettromagnetico dell’organismo umano.

Dal canto suo, la voce riflette lo stato fisico, emotivo e spirituale, quindi lo stato di salute globale.

Tomatis attraverso i suoi studi ha analizzato il suono dei canti Gregoriani con un oscilloscopio, stilando un preciso rapporto medico-scientifico che dimostra come questa tipologia musicale cade entro il raggio dei suoni ricaricanti perché contengono tutte le frequenze dello spettro vocale, da 70 cicli al secondo fino a 9000 cicli al secondo. Fra l’altro, queste frequenze si possono riscontrare anche negli accordi ad una voce dei monaci tibetani.

Successivamente ho realizzato insieme al lei l’audiolibro Il Codice Gregoriano – con allegato il Cd Il Canto del Paradiso– suonando, insieme ai monaci Certosini, utilizzando autentici organi antichi costruiti da alchimisti ebanisti di alcune certose d’Italia. In questa fase di studio ed assimilazione delle regole ambientali, ho vissuto quasi un anno come un eremita in queste strutture clericali, dove alternavo la meditazione a prove di registrazioni che sfruttavano altresì le volte a cupola di luoghi acusticamente perfetti dal punto di vista della risonanza strumentale e vocale…

Spesso mi torna in mente l’aspetto poetico e spiritualmente più profondo di questa esperienza, soprattutto perché mentre suonavo questi antichi organi, più di una volta ho rivisto il mio viso innocente di bambino che ascoltava, incantato con la bocca aperta, questi suoni meravigliosi che donano pace, armonia ed equilibrio al corpo, alla mente e allo spirito.

In programma ho in serbo un nuovo lavoro del genere, ma è ancora presto per parlarne…

VISITA IL NOSTRO SHOP

Leave a Reply

Sendinblue Newsletter