Rino Capitanata

Musicoterapeuta

Biografia

15% di sconto!

 

15% di sconto su tutte le composizioni di Rino Capitanata.

Offerta valida solo per il mese di Settembre 

Vai Allo Shop

Da anni approfondisce la musica come veicolo per la guarigione producendo CD e tenendo seminari con illustri personaggi del mondo della spiritualità.

CapitanArt Records

Musica per il benessere, salute e ricerca interiore

 

Fondata nel 2000 in Alto Adige ai piedi delle Dolomiti dal musicista Capitanata, CapitanArt Records è diventata rapidamente una importante etichetta di musica per il benessere, salute e ricerca interiore.

Musiche che vengono utilizzate da terapisti in molti centri Spa in Italia e all’estero e sono largamente diffuse da alcune compagnie aeree per rilassare i passeggeri durante i voli.

L’etichetta, oltre a produrre la musica di Capitanata, ha prodotto artisti come: Swamy, Spa Music Institute, Riccardo Tristano Tuis, , Nader Butto, Thea Crudi, Alberto Grollo, Deva Raja, Hariprasad, Gregorian, Hearth of Earth, Lama Gorka, Tibetan Lama’s, Luca Vignali, Quartett Salzburg Orchestra. Collabora inoltre con psicologi, medici, terapisti e spa manager.

CapitanArt Records crea per mezzo della musica, emozioni e stati di benessere e pace, dove è più semplice ascoltare la voce del cuore.

https://www.youtube.com/watch?v=DgzcbF_fwwQ&ab_channel=RinoCapitanata-Musicoterapeuta

Rino Capitanata Musicista, Compositore, Ricercatore

Il Potere Curativo della Musica 432 Hz®

Il mio scopo, in tutti questi anni, è stato quello di armonizzare attraverso la musica la natura umana e risvegliare la dimensione spirituale, per facilitare l’espansione armonica della propria individualità e risvegliare i talenti e le risorse profonde.

La musica curativa ha il compito di liberare le emozioni superiori e trasformare le emozioni negative in rinnovata gioia di vivere e benessere psicofisico.
Rino Capitanata

AMERICA - ROCK MISTICISMO E COUNTRY - Libro

Codice articolo 1058 / €19,00 - 15% di sconto
€16.15
Disponibile
1
Dettagli del prodotto

CapitanArt Records - Rock History Series - Vite Straordinarie - America - Libro di: Sergio d'Alesio

Sergio d'Alesio giornalista e noto critico musicale in questo libro ci parla di aneddoti inediti, misticismo, e note che ripercorrono la storia del gruppo degli America un gruppo storico della storia del Rock Country

Suoni, vibrazioni ed armonie vocali che, a tutt’oggi, non hanno perso un grammo del loro fascino e continuano a regalare sogni a colori a chiunque le ascolta. Ai vertici della piramide, c’è la leggenda di Gerry Beckley, Dewey Bunnell & Dan Peek tre giovani musicisti che, fra le nebbie di Londra, nel 1971 scrivono di getto una ballata intitolata A Horse with No Name prima di tornare in California e dare il via ad una carriera realmente straordinaria…

Questo libro è il primo, approfondito e dettagliato saggio italiano dedicato agli America rende giustizia ai 50 anni di carriera di questa band campione d’incassi. In realtà, abbracciando un arcobaleno di culture differenti, gli America trascendono i confini degli States e il loro pubblico continua a crescere. “Io penso che la nostra musica abbia un appeal universale – dice Beckley – Il pubblico italiano adora la musica dance, ma ama le ballate perché ha un cuore romantico.

Questo accade anche nei paesi asiatici. Quando suoniamo a Roma o a Tokyo vedo migliaia di persone che cantano le nostre canzoni anche se non conoscono il significato delle parole.

Ecco perché la musica è un linguaggio internazionale”. Eludendo l’avvicendarsi degli stili musicali più alla moda imposti dallo showbiz, la loro musica è entrata a vele spiegate nel nuovo millennio e, di generazione in generazione, continua ad affascinare milioni di persone in tutto il mondo.

Quasi a dire che A Horse With No Name non ha mai terminato la sua corsa…

Consigliato a tutti i musicisti e coloro che vogliono trovare nella storia della musica territori a volta inesplorati dell'animo umano.


America - «Ventura Highway». Prendete tre ragazzi sul finire degli anni Sessanta, poco più che adolescenti, con madri inglesi e padri militari dell'esercito americano in servizio in Gran Bretagna, aggiungete un po' di nostalgia, reminescenze di flower power, un pizzico di patriottismo e tre chitarrine acustiche e avrete il piacevolissimo cocktail degli America. Dopo il successo del primo disco registrato a Londra si prepararono a tornare in patria per registrare appunto Homecoming, nel 1972, un album da caricare tutto intero sul vostro lettore e da portare ovunque per fare da colonna sonora ai vostri viaggi.





Salva questo articolo per dopo